lunedì
20
febbraio

Il Tribunale di Busto Arsizio "risarcisce" 4 docenti precari per il periodo estivo non pagato

articolo pubblicato il 6 febbraio 2017 - 18.43 in Miur, Personale
Grande vittoria per gli insegnanti precari che sono stati risarciti per il mancato pagamento dei 4 mesi estivi: il Miur aveva affidato loro le cattedre libere senza pagare i mesi estivi, ma il Tribunale del Lavoro di Busto Arsizio ha rimborsato i 4 docenti con 105 mila euro di risarcimento.

Il Tribunale ha accertato che le cattedre ricoperte dai docenti fossero libere a tutti gli effetti: l’amministrazione scolastica viene ora condannata a risarcirli con gli interessi. La somma ha assunto dimensioni notevoli, perché agli stessi docenti sono state negate pure le scatti automatici di stipendio.

"Degli oltre 100 mila contratti annuali stipulati ogni anno, almeno 70 mila possono essere considerati liberi e senza titolare; di questi, oltre la metà riguardano il sostegno", ricorda Marcello Pacifico, Presidente del giovane sindacato della scuola Anief. "Mantenere tale la situazione - aggiunge - non conviene a nessuno: agli alunni, a cui viene negato il diritto allo studio, ai docenti e la continuità didattica; ai docenti, a cui vengono sottratti mesi di lavoro; al Miur, che continua a risarcire i docenti che presentano ricorso".


Roma Nubi sparse
min: 19° max: 29° 28°
  TUTTE LE NOTIZIE   GLOSSARIO SCOLASTICO